Toni, ritorno al passato

di Michela Lanza

Chi se lo sarebbe mai aspettato, il ritorno di Luca Toni a Firenze. Nessuno ci avrebbe scommesso, ma Andrea Della Valle ha assolutamente tenuto fede a quello che era il suo desiderio già all’epoca del primo presunto addio del centravanti di Pavullo a Firenze. “Non è un addio, ma solo un arrivederci”, disse ADV quando lasciò partire Toni e gli dette la possibilità di approdare al Bayern Monaco dove si è tolto la soddisfazione di giocare in uno dei club più forti del mondo, di vincere campionati e ambire a prestigiosi trofei europei. E allora eccolo il ritorno del figliol prodigo, quello di un giocatore che consacrò la sua forza a Firenze segnando gol a raffica nel periodo più bello dell’epoca Della Valle, regalando punti pesanti a Prandelli, soddisfazioni al popolo viola e conquistandosi un posto da titolare inamovibile nell’esaltante e cinico Mondiale del 2006. Campione del Mondo con la maglia viola cucita addosso, Toni ha sempre avuto un pensiero di riguardo per la piazza di Firenze e non ha mai chiuso le porte ad un possibile, clamoroso e pure romantico ritorno in riva all’Arno.
UN SECONDO ESORDIO. Oggi, dunque, potrebbe arrivare il secondo esordio ufficiale in maglia viola per Toni. E potrebbe arrivare nel ‘suo’ stadio, il Franchi. Quello stesso stadio che ha goduto per ben 30 volte esultando con boati echeggianti alle sue reti in campionato (in totale ne ha messe a segno 47 in A con la maglia viola in due stagioni, 30 tra le mura amiche e 17 in trasferta). Quello stesso stadio che si è emozionato nel vederlo ogniqualvolta roteare la mano all’orecchio per esultare. Quello stadio che, dopo la delusione del fallimento, aveva ritrovato l’orgoglio di applaudire un attaccante di livello mondiale che in molti invidiavano ai viola. Quello stesso stadio che ha sfoggiato magliette celebrative in suo onore con la scritta ‘Toni&Furmini’ (perché quando si abbatteva sulle difese avversarie, la sua forza era pari a quella di un uragano) e che ha spesso intonato la sua canzone sulle note de ‘Il ballo di Simone’. Toni nell’istante in cui metterà il suo piedone sul terreno di gioco del Franchi ripenserà in una frazione di secondo a tutto questo, alla gioia e quel sorriso smagliante che lo hanno contraddistinto nel periodo fiorentino e che si erano man mano assopiti col passare degli anni nel grigiore delle sue successive esperienze. E allora si emozionerà perché ricalcherà il ‘suo’ terreno di gioco e gonfierà ancora la rete. La ‘sua’ rete. E poi esulterà, come se questi cinque anni che lo hanno tenuto lontano dal capoluogo toscano non fossero mai passati. Come se non ci fosse stata interruzione, mai un black-out. Come se fosse sempre rimasto qui. Sarà però un secondo esordio per lui. Un secondo esordio ufficiale in maglia viola. E la speranza è che possa essere bagnato da un gol (così come 7 anni fa quando il 27 agosto del 2005 andò a segno alla prima di campionato contro la Sampdoria, in casa). Che sia per lui un vero e proprio ritorno al passato!
SCOMMETTIAMO CHE... Quello che in molti dubitano è che l’arrivo di Toni sia stato un vero e proprio ripiego dopo il forfait di Berbatov. In parte può essere così, perché Pradè e Macia avevano puntato molto (se non tutto) sul giocatore bulgaro. Ma è anche vero che il ds viola, dopo il ‘bidone’ subito dall’ex attaccante del Manchester, ha espressamente fatto capire a tutti che la Fiorentina non avrebbe acquistato qualcuno tanto per fare numero e che, se non si fosse presentata la chance giusta, la rosa sarebbe rimasta senza rinforzo nel reparto offensivo. Ma l’occasione giusta è arrivata e, si sa, l’occasione fa l’uomo ladro. Così, sono bastati veramente pochi istanti per trovare un accordo tra Toni e la società viola. Qualcuno malignerà che non poteva essere altrimenti perché il centravanti era senza contratto e la Fiorentina senza una punta da far brillare davanti agli occhi dei tifosi, ma la realtà è che a fare la differenza sia stata la stima reciproca tra le due parti, nonché la convinzione da parte di Pradè (ma anche di Montella e del suo staff) che Toni sia funzionale e ancora in condizioni psico-fisiche per poter fare la differenza. Il fiuto del gol non gli manca (quello una punta o ce l’ha o non ce l’avrà mai), conosce meglio di chiunque altro l’ambiente fiorentino e con un po’ di affiatamento coi nuovi, potrebbe diventare fondamentale. La sua età matura, poi, potrebbe addirittura indicarlo come uno dei leader dello spogliatoio. Insomma, l’arrivo di Toni in viola ha soddisfatto Montella (e questo è quello che conta) e non è affatto un ripiego. È semplicemente un’operazione di mercato intelligente che potrebbe addirittura far volare la Fiorentina ancor più in alto delle aspettative. Intanto lui, Toni, si è ripreso la sua numero ‘30’. Poi inizierà a riprendere confidenza con il Franchi e strizzerà l’occhio al suo amico-capitano Pasqual (e non solo, ovviamente) affinché torni a regalargli cross al bacio per buttarla ancora dentro come una volta (ben 14 gli assist vincenti del terzino nei due anni di Toni a Firenze, di cui 8 proprio per il centravanti emiliano). E poi dialogherà con Jovetic, creandogli spazi in area dove poter affondare e far male ad ogni difesa avversaria con i suoi guizzi e la sua velocità. Tutto questo condito da una buona dose di cuore e di sfida a se stesso… Scommettiamo che presto Toni sarà di nuovo titolare? Ci scusino i signori ‘indagati’ del mondo pallonaro ma in questo caso scommettere è lecito e, se la Fiorentina vincerà questa sua scommessa-Toni, ci sarà da divertirsi. Bentornato Luca Toni!

Brivido Sportivo
25.09.2012 08:33 - di Michela Lanza Una data storica. È quella che ha visto, giovedì scorso, celeb... »
25.09.2012 08:29 - di Michela Lanza Esclusiva al portiere della Florentia Viola che parla del successore che dif... »
25.09.2012 08:25 - di Michela Lanza Esclusiva all'ex giocatore bianconero e viola a poche ore dalla sfida pi... »
25.09.2012 08:22 - di Michela Lanza Esclusiva all'ex viola che non nasconde una simpatia particolare per i g... »
25.09.2012 08:19 - di Michela Lanza Siamo arrivati al giorno X, alla partita delle partite, che stasera assume u... »
20.09.2012 15:49 - di Michela Lanza Esclusiva con l'ex brasiliano del Parma: dal centrocampo viola alla sfid... »
16.09.2012 15:36 - di Michela Lanza La semplicità fatta persona, una famiglia come le altre, né pi... »
01.09.2012 09:15 - di Michela Lanza Le Azzurrine sono tornate a casa. L’avventura in Giappone è fin... »
01.09.2012 09:07 - di Michela Lanza De Sisti e Merlo plaudono il centrocampo della Fiorentina È basta... »
25.08.2012 10:54 - di Michela Lanza LA CONSOLAZIONE (per ora) E' L'EUROGOL DELLA LINARI Una buona pr... »
25.08.2012 10:37 - di Michela Lanza Dietro ad un grande uomo, c’è sempre una grande donna. E lei si... »
25.08.2012 10:31 - di Michela Lanza Esclusiva con l'ex bomber di Udinese, Roma e Fiorentina, oggi tecnico de... »
25.08.2012 10:29 - di Michela Lanza I nuovi acquisti e l'arrivo di Montella rendono la squadra di nuovo appe... »
26.07.2012 19:58 - di Michela Lanza MOENA – Ci sono ‘personaggi’ che fanno la differenza e i p... »
26.07.2012 19:54 - di Michela Lanza MOENA – Lunedì scorso un calciatore viola, Alessio Cerci, ha co... »
26.07.2012 19:50 - di Michela Lanza MOENA – Sono passati dieci giorni dall’inizio del ritiro estivo ... »
19.07.2012 09:13 - di Michela Lanza Il pugile fiorentino ha battuto Castellucci grazie alla sua scintillante box... »
19.07.2012 09:10 - di Michela Lanza MOENA – Vincenzo Montella scalpita. Vivace, schietto, ironico e senza ... »
19.07.2012 09:04 - di Michela Lanza La Fiorentina e la Val di Fassa hanno deciso di unire le loro forze e di int... »